Ordine Secolare Francescano - Montughi

Cammino Pastorale



Lettera Pastorale in occasione della Pasqua dell'Assistente Regionale OFS Fra' Luigi Senesi





Un messaggio e un augurio La fraternità è impegno di vita Questo messaggio vi giunge in piena quaresima e protesi alla Pasqua perché ci rinnoviamo nello spirito dell’autentica fraternità evangelica. Essa richiede, come ogni dono del Signore, la disponibilità all’impegno e al coinvolgimento personale. La Fraternità esiste soltanto se ci sono uomini e donne disposti a generarla e a farla crescere ogni giorno con il proprio apporto e la personale dedizione; fattori questi che si nutrono di preghiera e di testimonianza, di vicinanza e di interessamento, di condivisione di gioie e fatiche, di bisogni e possibilità, il tutto vissuto nello spirito di servizio vicendevole. La fraternità non può essere uno dei tanti impegni del laico francescano, ma è l’impegno che, per vocazione, unifica – armonizza –qualifica –genera –orienta i molteplici impegni di ciascuno. Da qui deriva l’appartenenza e l’identità francescana secolare con il loro stile particolare impresso nella vita e l’impegno che ne deriva. Se questo è vero, ognuno si darà da fare per incrementare il cuore della fraternità capace di orientare così la vita di tutti. Ogni membro pertanto è chiamato ad assumersi volentieri l’impegno di dare il proprio apporto personale per la vita comune. I servizi che alimentano un clima fraterno, lo sappiamo, sono molteplici: dall’animazione complessiva della Fraternità in collaborazione con i responsabili, all’animazione della formazione iniziale e permanente, del canto e della preghiera, dell’ascolto della Parola di Dio, della comunicazione moderna, dell’attenzione ai fratelli e sorelle in difficoltà, dei nostri giovani e bambini, dei momenti conviviali e ricreativi, dell’attenzione ai poveri, dell’impegno ecclesiale, dell’impegno professionale, dell’impegno sociale e politico, dell’impegno missionario….e si potrebbe continuare sempre guidati dalla fantasia che lo Spirito Santo non cessa mai di alimentare in quanti gli offrono un buon terreno da lavorare. Attenzione! Quanto esposto a nulla varrebbe se non viene associato a due elementi fondanti cari a Francesco: la familiarità reciproca e la disponibilità a chiedere aiuto. Leggi a riguardo Regola bollata, FF. 91 e Regola non bollata, FF. 32. Dalle parole di Francesco emerge che solo l’umiltà di chiedere rende veramente costruttiva e fraterna la disponibilità a dare. Il mondo forse non conosce questa via ma a noi basta sapere che si tratta del sentiero evangelico già percorso da Francesco e da tanti francescani che con fedeltà e letizia hanno ricercato già prima di noi il Regno dei cieli. Con più convinzione e coraggio, rinnoviamoci nel Signore, vostro fratello Luigi